Corso di approfondimento “L’assistente sanitario addetto alla prevenzione, alla promozione ed alla educazione per la salute: l’educazione sanitaria, sessuale e socio-affettiva nelle famiglie e nelle scuole” – Edizione 1

Gentile socio,
ai fini della partecipazione all’evento, ti chiediamo di compilare la richiesta di pre-iscrizione, raggiungibile dal seguente link https://us02web.zoom.us/meeting/register/tZYtcuiprDgjG9cY8qqZpAnuGB47GLsNQu3m, ed attendere la ricezione della e-mail di conferma.


[ Scarica la locandina del corso di approfondimento ]


PREMESSA

Il corso di approfondimento è improntato sui seguenti ambiti di intervento riportati nel profilo professionale dell’assistente sanitario: b) progetta, programma, attua e valuta gli interventi di educazione alla salute in tutte le fasi della vita della persona; d) concorre alla formazione e all’aggiornamento degli operatori sanitari e scolastici per quanto concerne la metodologia dell’educazione sanitaria; e) interviene nei programmi di pianificazione familiare e di educazione sanitaria, sessuale e socio-affettiva ed l) collabora, per quanto di sua competenza, agli interventi di promozione ed educazione alla salute nelle scuole.
Il contesto famigliare e quello scolastico hanno caratterizzato da sempre l’attività dell’assistente sanitario. Il tema dell’affettività, della sessualità e anche il tema dell’abuso, non sono gli unici – in questo contesto – che svilupperemo con approfondimenti specifici, ma meritano una particolare attenzione e priorità. Questo corso è pensato per l’attività di educazione degli operatori scolastici, degli alunni e dei loro genitori.


PROGRAMMA


1° unità didattica – 24 settembre 2022

08:30: Apertura dei lavori
Gianni Paussi – Presidente SIDAS
Francesco Guarino – Referente Comitato Formativo SIDAS

09:30: Cos’è la sessualità
Perché e come educare alla sessualità
Patrizia Tadiello
10:45: pausa
11:00: La formazione degli operatori scolastici in relazione alla metodologia dell’educazione sanitaria: aspetti generali, contatti, setting
Patrizia Tadiello
12:30: Chiusura dei lavori


2° unità didattica – 1 ottobre 2022

08:30: Il metodo narrativo: stili comunicativi adattati
Patrizia Tadiello
Il grafismo e il mondo interiore del bambino
Consuelo Morello
10:45: pausa
11:00: Il colore come emozione nel lato creativo interpretativo
Consuelo Morello
11:30: Le emozioni: proposte di educazione affettiva emotiva in famiglia e a scuola
Patrizia Tadiello
12:00: Presentazione del lavoro di gruppo
12:15: Q&A
12:30: Chiusura dei lavori


3° unità didattica – 15 ottobre 2022
08:30: Presentazione dei lavori di gruppo
10:00: La dimensione culturale nell’identità di genere e nei ruoli sessuali
Patrizia Tadiello
10:45: pausa
11:00: La prevenzione dell’abuso: elementi generali
Generazione connessa: l’informazione sui social network
I sintomi del disagio: cosa si può cogliere e cosa si può fare
Patrizia Tadiello
12:00: Presentazione del lavoro di gruppo
12:15: Q&A
12:30: Chiusura dei lavori


4° unità didattica – 22 ottobre 2022
08:30: Presentazione dei lavori di gruppo
10:00: pausa
10:15: Testimonianza e condivisione di partecipazione attiva in un progetto di educazione affettivo sessuale nella scuola primaria
Fabiola Farronato
Monica Baù

11:30: Condivisione e confronto
12:30: Chiusura dei lavori


METODOLOGIA
Il corso di approfondimento verrà interamente erogato in modalità FAD.


DOCENTI
Monica Baù, assistente sanitario esperto in materia
Fabiola Farronato, assistente sanitario esperto in materia
Consuelo Morello, tecnico psicologo esperto in materia
Patrizia Tadiello, assistente sanitario pedagogista


ARTICOLAZIONE DEI LAVORI E TEMPI
Il corso di approfondimento verrà erogato in quattro moduli didattici di 4 ore ciascuna, inoltre è prevista
l’attivazione di attività integrative da svolgere a domicilio su indicazione dei docenti, per un impegno
complessivo di 25 ore.


DESTINATARI
Il corso di approfondimento è rivolto agli assistenti sanitari. I partecipanti non potranno essere più di 25.


COSTI E MODALITÀ DI ISCRIZIONE
La partecipazione al corso di approfondimento è gratuita e sono ammessi alla frequenza solo i soci SIDAS in regola con la quota societaria annuale, previa verifica da parte della segreteria organizzativa.
Le richieste di iscrizione dovranno pervenire entro e non oltre il 15 settembre 2022.


ATTESTAZIONE DI FREQUENZA
L’attestato di frequenza verrà trasmesso via e-mail al termine di tutte le verifiche di apprendimento e amministrative a chi seguirà compiutamente le lezioni.


ATTESTAZIONE DI FREQUENZA CON PROFITTO
L’attestato di frequenza con profitto verrà rilasciato a chi sosterrà un esame finale (facoltativo).


Ti ringraziamo per la collaborazione,
Continua a seguirci per ulteriori aggiornamenti.

L’impatto della pandemia da Covid-19: studio cross-sectional sulle relazioni sociali e lo stato di benessere degli operatori sanitari

Gentili colleghi,

di seguito vi presentiamo l’abstract relativo ai risultati di una ricerca che il Comitato Scientifico di SIDAS ha svolto nei mesi scorsi.

L’impatto della pandemia da Covid-19: studio cross-sectional sulle relazioni sociali e lo stato di benessere degli operatori sanitari

L’emergenza sanitaria dovuta alla diffusione dell’infezione da COVID-19 ha avuto un impatto significativo sulla vita quotidiana e sul benessere psicofisico delle persone. Alcuni autori hanno dimostrato che gli operatori sanitari hanno più problematiche relative alla salute mentale rispetto alla popolazione generale. Infatti, oltre allo stress associato alla tipologia di lavoro, anche le restrizioni causate dalla pandemia hanno inciso sulla vita quotidiana. 
La teoria della salutogenesi di Antonovsky individua il senso di coerenza (SOC) come un elemento che contribuisce al mantenimento della salute mentale in un ambiente stressante e diversi livelli di SOC possono incidere significativamente nel mantenimento dello stato psicofisico. 
Dal punto di vista della salute mentale, studi precedenti hanno dimostrato che il livello di SOC è correlato al livello di disagio psicologico e gli individui con SOC debole hanno un rischio più elevato di avere problemi di salute mentale rispetto agli individui con SOC moderato o forte.
L’obiettivo dello studio è valutare l’impatto della pandemia da COVID-19 indagando le caratteristiche socio-demografiche e lavorative, lo stato di benessere e i cambiamenti nelle relazioni sociali degli operatori sanitari stratificate per i diversi livelli di SOC.
Lo studio cross-sectional è stato condotto attraverso un questionario auto redatto che comprendeva parti validate e diffuso tramite i principali social media.
Il campione include i professionisti sanitari che operano in ambito pubblico e privato.
I dati raccolti riguardano i cambiamenti nelle relazioni sociali dall’inizio della pandemia ad oggi, l’impatto sulla percezione personale di soddisfazione della vita, lo stato di benessere (WHO-5) e informazioni socio-demografiche. I dati sono stati analizzati tramite regressione logistica.
Tra il totale dei rispondenti (n=628) gli individui di età compresa tra 20-29 anni hanno un rischio 6 volte superiore (RR 5,97, IC 95% 2,66-13,45, p= <0,0001) di avere un SOC basso rispetto a quelli con età ≥ 60 anni. 
Un rischio analogo (RR 5,50, IC 95% 1,70-17,77, p=0,0044) è stato dimostrato tra i soggetti con un’anzianità di servizio inferiore ad un anno rispetto agli operatori sanitari con più di 40 anni di servizio.
Le regioni del nord-ovest presentano un rischio di SOC basso di quasi 2 volte maggiore rispetto alle regioni del nord-est (RR 1,54, IC 95% 1,03-2,30, p=0,0336). 
L’essere coniugato, vivere con altre persone, avere minori sotto la propria responsabilità e disporre di spazi aperti nella propria abitazione è risultato protettivo nei confronti di un SOC basso tra gli operatori sanitari (RR 1,84, IC 95% 1,32-2,57, p=0,0003; RR 1,87, IC 95% 1,18-2,96, p=0,0075; RR 1,81, IC 95% 1,28-2,56; p= 0,0009; RR 1,78, IC 95% 1,06-2,99, p=0,0294).
Sulla base del punteggio WHO-5, il 73,2% dei 314 operatori sanitari con SOC basso ha presentato uno scarso stato di benessere con un rischio 7 volte maggiore rispetto al restante campione (RR 7,03, IC 95% 4,95-9,99, p=<0,0001).
Nei soggetti la cui relazione con la famiglia, gli amici e i colleghi di lavoro era peggiorata a seguito della pandemia, rispettivamente (RR 2,23, IC 95% 1,36-3,67, p=0,0016; RR 1,54, IC 95% 1,00- 2,36, p=0,0486; RR 1,70, IC 95% 1,08-2,67, p=0,0208) hanno mostrato un rischio di 2 volte superiore di avere un SOC basso.
I risultati mostrano che gli operatori sanitari più giovani, assunti da meno di un anno, abbiano risentito maggiormente dell’emergenza pandemica. Questo dato può essere spiegato dalle innumerevoli nuove assunzioni svolte in emergenza per fronteggiare la pandemia e che non hanno previsto un affiancamento e un supporto adeguati al primo periodo di formazione di un lavoratore neoassunto. Inoltre, la mancanza o il peggioramento delle relazioni familiari e sociali dall’inizio della pandemia ad oggi sono fattori predisponenti bassi livelli di SOC, con conseguenze rilevanti sullo stato di benessere dell’individuo. Tali risultati sono rilevanti soprattutto nell’ambito sanitario, particolarmente colpito dalla pandemia e a rischio di ripercussioni a medio e lungo termine sulla salute psico-fisica dell’individuo e nell’esercizio della professione. Tali risultati sono il punto di partenza per ulteriori approfondimenti e per indirizzare i futuri interventi di prevenzione, di promozione della salute nei confronti del personale neoassunto.

Autori

Maria Francesca Piazza: Azienda Ligure Sanitaria (A.Li.Sa.), comitato scientifico Società Italiana di Assistenza Sanitaria (SIDAS).
Michela Muzzin: Azienda Sanitaria Friuli-Occidentale (ASFO), comitato scientifico Società Italiana di Assistenza Sanitaria (SIDAS)
Arianna Varnier: Azienda Sanitaria Friuli-Occidentale (ASFO), comitato scientifico Società Italiana di Assistenza Sanitaria (SIDAS)
Duke Ashong: Azienda Unità Locale Socio Sanitaria 5 Polesana (Aulss5), comitato scientifico Società Italiana di Assistenza Sanitaria (SIDAS)
Ludovica Munarin: Azienda Unità Locale Socio Sanitaria 2 Marca Trevigiana (Aulss2), comitato scientifico Società Italiana di Assistenza Sanitaria (SIDAS)
Francesca Sanna: Telethon Kids Institute (Perth), comitato scientifico Società Italiana di Assistenza Sanitaria (SIDAS)
Giulia Bellantonio
: Azienda Sociosanitaria Ligure 3 (Asl3), comitato scientifico Società Italiana di Assistenza Sanitaria (SIDAS)
Carmela Russo: Azienda Unità Locale Socio Sanitaria 2 Marca Trevigiana (Aulss2), comitato scientifico Società Italiana di Assistenza Sanitaria (SIDAS)

Continuate a seguirci per ulteriori aggiornamenti

ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI 2022

Gentilissime Socie e Soci,

in conformità con quanto previsto dallo Statuto, il Presidente convoca l’Assemblea Ordinaria dei Soci per deliberare sul seguente ordine del giorno:

  1. Nomina del presidente e del segretario dell’assemblea
  2. Relazione del Consiglio sulle attività 2021
  3. Relazione del tesoriere e del revisore dei conti sul bilancio consuntivo 2021
  4. Approvazione del rendiconto e del bilancio consuntivo 2021
  5. Relazione del Consiglio sul bilancio preventivo per il 2022
  6. Approvazione programma attività e bilancio preventivo 2022
  7. Definizione della quota sociale.

L’assemblea si terrà in forma telematica (piattaforma “Zoom”), previa registrazione con modalità che saranno comunicate all’indirizzo mail di ogni socio, in prima convocazione alle ore 08:00 di giovedì 28 aprile 2022 e in seconda convocazione alle ore 18.00 di venerdì 29 aprile 2022.

Vi ricordiamo che hanno diritto di voto tutti i Soci iscritti e in regola con il pagamento della quota associativa per il 2022.

Tutti i soci riceveranno tramite posta elettronica una comunicazione con la convocazione e le modalità di partecipazione.

Vi aspettiamo

Corso di approfondimento “L’assistente sanitario: addetto per la salute in ambiente di lavoro” – Edizione 1

Gentile socio,
Ai fini della partecipazione all’evento, ti chiediamo di compilare il questionario di pre-iscrizione, raggiungibile al seguente link https://us02web.zoom.us/meeting/register/tZMpc-uupzIoE9IyMG4xY6BZ8sBY-jvcOo1Z , ed attendere la ricezione della mail di avvenuta iscrizione.
Di seguito troverai la locandina, la premessa e il programma sintetico del corso.
[ Scarica la locandina del corso di approfondimento ]

PREMESSA
Il legislatore definisce l’assistente sanitario quale “addetto alla prevenzione, alla promozione ed alla educazione per la salute” (Art. 1, c. 1 del profilo professionale), ovvero il professionista cui si riconosce una particolare competenza in tali ambiti operativi e che quindi ha la capacità di gestirla assumendosene la relativa responsabilità.
Nell’ambito della medicina del lavoro, il mutare delle condizioni sociali e lavorative ha richiesto negli ultimi anni un livello e una qualità del controllo sanitario dei lavoratori sempre più sofisticato e comunque assai diverso rispetto a qualche decennio fa. La gestione infatti è divenuta più complessa (le scadenze più ravvicinate; il livello di indagine conoscitiva più approfondito); in sintesi, l’attività sanitaria non può ricadere interamente e unicamente sul medico competente.
Il senso di questo corso di approfondimento è quindi quello di formare gli assistenti sanitari per essere addetti a saturare lo spettro di quelle funzioni che dal medico competente possono essere opportunamente delegate: educazione alla salute, organizzazione dei controlli periodici, contributo alla ricerca, verifica dei fattori di rischio (biologico e sociale), gestione delle comunicazioni, raccolta dei dati e loro tenuta, etc.
Si tratta di essere culturalmente pronti per migliorare la tutela della salute nelle comunità lavorative con l’integrazione professionale tra medico e assistente sanitario.

PROGRAMMA
Il programma del corso di approfondimento verterà su:

  • Il Decreto legislativo 81/2008 e gli “attori” della prevenzione
  • Saper leggere e utilizzare il Documento di Valutazione dei Rischi
  • La sorveglianza sanitaria e il contributo dell’assistente sanitario
  • Gestione e potenzialità del giudizio dell’idoneità lavorativa
  • Gestione dei rischi emergenti e rischi consolidati
  • Rilevazione di indicatori di benessere nella popolazione lavorativa e iniziative di promozione della salute

METODOLOGIA
Il corso di approfondimento verrà interamente erogato in modalità FAD.

DOCENTI
Medico specialista in Medicina del lavoro
Assistenti sanitari esperti di settore

ARTICOLAZIONE DEI LAVORI E TEMPI
Il corso di approfondimento verrà erogato in cinque unità didattiche di 2 ore ciascuna:
27, 28 aprile e 5, 6, 13 maggio 2022 dalle 16:30 alle 18:30
Ad ogni incontro seguiranno dei lavori da svolgere individualmente e/o in piccoli gruppi, con la produzione di elaborati da presentare all’incontro successivo.

DESTINATARI
Il corso di approfondimento è rivolto agli assistenti sanitari. I partecipanti non potranno essere più di 25.

COSTI E MODALITÀ DI ISCRIZIONE
La partecipazione al corso di approfondimento è gratuita per i soci SIDAS in regola con la quota societaria annuale.
Rinnova l’iscrizione a SIDAS

ATTESTAZIONE DI FREQUENZA
L’attestato di frequenza verrà trasmesso via e-mail al termine di tutte le verifiche di apprendimento e amministrative a chi seguirà compiutamente le lezioni.

ATTESTAZIONE DI FREQUENZA CON PROFITTO
L’attestato di frequenza con profitto verrà rilasciato a chi sosterrà un esame finale (facoltativo).

Ti ringraziamo per la collaborazione,
Continua a seguirci per ulteriori aggiornamenti.

Webinar 8 aprile 2022: L’assistente sanitario nel Consultorio Familiare: raccontare il presente per progettare il futuro”

Gentile socio,

Nell’ottica della formazione costante dei professionisti come obiettivo prioritario di SIDAS, il Comitato Formativo vuole proporre ai soci il presente webinar.

Ai fini della partecipazione all’evento, ti chiediamo di compilare il questionario di pre-iscrizione, raggiungibile al seguente link: https://us02web.zoom.us/meeting/register/tZYpdeGgrjsiE9OY1imAMtcy8y0bUqIWkCxZ  ed attendere la ricezione della mail di avvenuta iscrizione.

Di seguito troverai la locandina, la premessa e il programma sintetico del corso.

[Clicca qui per la locandina]

PREMESSA
I Consultori Familiari, istituiti con la Legge 405/1975, sono un servizio territoriale e multidisciplinare di
consulenza e di assistenza al singolo, alla coppia e alla famiglia.
Con il Decreto 17 gennaio 1997 n. 69, il Ministero della Salute identifica nell’assistente sanitario il
professionista della prevenzione, promozione ed educazione per la salute. La sua attività è rivolta alla
persona, alla famiglia e alla collettività con l’obiettivo di individuare i bisogni di salute e le priorità di
intervento preventivo, educativo e di recupero.
In quest’ottica tale professionista diventa una delle figure d’elezione all’interno di questo servizio,
progettando, programmando, attuando e valutando interventi di educazione alla salute, sanitaria e
affettivo-sessuale, anche attraverso programmi di pianificazione e di sostegno al singolo e alla famiglia in
tutte le fasi ed i contesti della vita, attivando risorse di rete e collaborando con gli altri operatori
dell’équipe.
Con i loro quasi cinquant’anni di storia, i Consultori Familiari rappresentano un fondamento per sistemi
sanitari del futuro, volti a tutelare la salute pubblica attraverso modelli organizzativi sempre attuali che
rispondono ai bisogni di salute della popolazione sempre in continua evoluzione.

PROGRAMMA

Ore 17:10: Apertura dei lavori

  • Gianni Paussi -Presidente SIDAS

Ore 17:15: Esperienze a confronto

  • Luigina Da Pra – Assistente sanitaria AULSS 1 Dolomiti
  • Daniela Negro – Assistente sanitaria ASL TO 4

Ore 18:00: Discussione

Ore 18:20: Take home messages

Ore 18:30: Chiusura dei lavori

DESTINATARI
Il webinar è gratuito ed è rivolto agli Assistenti sanitari e agli studenti dei CdL in Assistenza sanitaria

MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE
È necessario procedere con la domanda di pre-iscrizione entro le ore 17:00 del 07/04/2022 utilizzando il
seguente link soprariportato ed attendere la ricezione via e-mail del link di acceso che è subordinata alla valutazione dei requisiti di ammissione.
L’accesso agli studenti dei CdL in Assistenza sanitaria è consentito esclusivamente con l’indirizzo di posta
elettronica istituzionale.

ATTESTAZIONI L’attestato di partecipazione verrà rilasciato a chi seguirà compiutamente il webinar.

Ti ringraziamo della collaborazione

Continua a seguirci per ulteriori aggiornamenti

Educazione affettiva e sessuale a scuola: il ruolo dell’assistente sanitario come figura elettiva

Gentile socio,

Nell’ottica della formazione costante dei professionisti come obiettivo prioritario di SIDAS, il Comitato Formativo vuole proporre ai soci un corso di approfondimento sulla tematica dell’educazione affettiva e sessuale a scuola.

Ai fini dell’organizzazione dell’evento, ti chiediamo di compilare il questionario al link seguente: https://forms.gle/DaM42WK8CZ6K8Y2j7

Di seguito troverai anche la premessa e il programma sintetico del corso.

PREMESSA
L’affettività e la sessualità sono parte integrante della salute e del benessere dell’individuo.
Il corpo rappresenta lo strumento privilegiato per conoscersi e conoscere il mondo, capace di generare un sereno e aperto confronto con le emozioni e le sensazioni che esso sperimenta e vive.
Già dalla prima infanzia è di fondamentale importanza affrontare gli aspetti affettivo-sessuali mediante un
processo di apprendimento; per tale motivo la scuola rappresenta l’ambiente ottimale per ospitare questa
tipologia di progetti educativi.
Tutto ciò è il presupposto per costruire una rete affettivo-relazionale positiva per il futuro che favorisca il
benessere derivante dalla scoperta e dall’ascolto del proprio corpo e delle proprie emozioni, da un buon
contatto con gli altri, nonché a vivere serenamente la propria sessualità. É necessario che gli adulti
(genitori, insegnanti), parte attiva del percorso educativo dei ragazzi, diano uno sguardo alla propria vita
affettiva e sessuale per poterli accompagnare serenamente nella loro crescita.

PROGRAMMA
Il programma del corso di approfondimento verterà su:
 Atteggiamenti dell’educatore nei confronti di sé stesso e dell’altro rispetto alla sessualità.
 Diversi stili comunicativi adattati.
 Metodo narrativo per l’educazione alla sessualità.
 Ruoli sessuali e identità di genere.
 Educare alle emozioni ed intelligenza emotiva.
 Tecniche di espressione emotiva.
 Prevenzione dell’abuso.

METODOLOGIA
Data la complessità degli obiettivi proposti che puntano allo sviluppo e all’identificazione di competenze
professionali globali (conoscenze, modalità operative e organizzative, abilità specifiche) si rende necessaria l’adozione di metodologie didattiche attive, quali il lavoro in piccoli gruppi, anche per simulazioni, al fine di valorizzare esperienze e competenze individuali.

DESTINATARI
Il corso è rivolto agli assistenti sanitari.
In relazione alla metodologia didattica usata, i partecipanti non potranno essere più di 25 per corso.

ARTICOLAZIONE DEI LAVORI E TEMPI
Il corso di approfondimento verrà erogato in due diversi weekend (venerdì pomeriggio + sabato),
probabilmente non consecutivi ed avrà una durata di 20 ore.

ATTESTAZIONI
L’Attestato di partecipazione verrà rilasciato a chi seguirà compiutamente le lezioni.
Inoltre verrà rilasciato l’Attestato di partecipazione con profitto a chi vorrà sostenere un esame finale
(facoltativo).

Ti ringraziamo della collaborazione

Continua a seguirci per ulteriori aggiornamenti


Indagine sugli stili di vita in tempo di pandemia nei sanitari

Gentile collega, l’emergenza pandemica dovuta alla diffusione mondiale dell’infezione da COVID-19 ha avuto un impatto significativo sulla vita quotidiana e sullo stato di benessere sociale e psicofisico.

Ti chiediamo 5 minuti del tuo tempo per la compilazione del questionario volto alla ricerca  delle associazioni tra i cambiamenti dello stile di vita e la salute mentale durante la pandemia tra gli operatori sanitari lavoratori.

⭕️ si precisa che la divulgazione è solo tra gli operatori sanitari ⭕️

Di seguito il link del questionario: https://forms.gle/TdpjuvWX3ysRJJCt9

L’assistente sanitario: addetto per la salute in ambiente di lavoro

Gentile collega,

Nell’ottica della formazione costante dei professionisti come obiettivo prioritario di SIDAS, il Comitato Formativo vuole proporre ai soci un corso di approfondimento sulla tematica della medicina del lavoro.

Ai fini dell’organizzazione dell’evento, ti chiediamo di compilare il questionario al link seguente https://forms.gle/fbN4TPRDe4EiUQJG6 

Di seguito troverai anche la premessa e il programma sintetico del corso.

PREMESSA

Il legislatore definisce l’assistente sanitario quale “addetto alla prevenzione, alla promozione ed alla educazione per la salute” (Art. 1, c. 1 del profilo professionale), ovvero il professionista cui si riconosce una particolare competenza in tali ambiti operativi e che quindi ha la capacità di gestirla assumendosene la relativa responsabilità.

Nell’ambito della medicina del lavoro, il mutare delle condizioni sociali e lavorative ha richiesto negli ultimi anni un livello e una qualità del controllo sanitario dei lavoratori sempre più sofisticato e comunque assai diverso rispetto a qualche decennio fa. La gestione infatti è divenuta più complessa (le scadenze più ravvicinate; il livello di indagine conoscitiva più approfondito); in sintesi, l’attività sanitaria non può ricadere interamente e unicamente sul medico competente.

Il senso di questo corso di approfondimento è quindi quello di formare gli assistenti sanitari per essere addetti a saturare lo spettro di quelle funzioni che dal medico competente possono essere opportunamente delegate: educazione alla salute, organizzazione dei controlli periodici, contributo alla ricerca, verifica dei fattori di rischio (biologico e sociale), gestione delle comunicazioni, raccolta dei dati e loro tenuta, etc.

Si tratta di essere culturalmente pronti per migliorare la tutela della salute nelle comunità lavorative con l’integrazione professionale tra medico e assistente sanitario.

PROGRAMMA

Parte teorica

Il Decreto legislativo 81/2008. Disamina e focalizzazione sui contenuti più innovativi e qualificanti: le attività previste per gli “attori” principali (Datore di lavoro, RSPP, RLS, Medico competente), in particolare quelle del medico competente, da cui poi derivano le operatività per l’Addetto per la salute finalizzate al suo supporto.

  • Saper leggere e utilizzare il Documento di valutazione dei rischi.
  • Elaborazione e significato del programma per la sorveglianza sanitaria: il contributo dell’assistente sanitario.
  • Gestione e potenzialità del giudizio dell’idoneità lavorativa.
  • Gestione dei Rischi emergenti (invecchiamento popolazione lavorativa, cronobiologia, ecc.) e rischi consolidati (rumore, vibrazioni, movimentazione manuale carichi, ecc.).
  • Individuazione e rilevazione di indicatori di benessere nella popolazione lavorativa e iniziative di promozione della salute. Effettuazione di accertamenti integrativi, pianificazione delle attività, informazione e formazione, partecipazione ai processi per la qualità delle prestazioni; ricerca dei fattori di rischio biologico e sociale; indagini epidemiologiche.

Parte pratica

METODOLOGIA

Data la complessità degli obiettivi proposti che puntano allo sviluppo e all’identificazione di competenze professionali globali (conoscenze, modalità operative e organizzative, abilità specifiche…) si rende necessaria anche l’adozione di metodologie didattiche attive, quali il lavoro in piccoli gruppi, anche per simulazioni, al fine di valorizzare esperienze e competenze individuali.

DESTINATARI

Il corso è rivolto agli assistenti sanitari. In relazione alla metodologia didattica usata, i partecipanti non potranno essere più di 25 per corso.

ARTICOLAZIONE DEI LAVORI E TEMPI

La parte teorica verrà proposta in 5 unità didattiche di 2 ore ciascuna dalle ore che si svolgeranno in remoto. Ad ogni incontro seguirà un’attività da svolgere in autonomia di pari durata con produzione di documentazione. La durata complessiva della parte teorica del corso sarà quindi di 20 ore.

Seguirà un incontro in presenza di ulteriori 5 ore per attività con le strumentazioni necessarie.

ATTESTAZIONI

L’Attestato di partecipazione verrà rilasciato a chi seguirà compiutamente le lezioni e produrrà il materiale di elaborazione e ricerca da svolgere a domicilio.

Inoltre verrà rilasciato l’Attestato di partecipazione con profitto a chi vorrà sostenere un esame finale (facoltativo).

Ti ringraziamo della collaborazione

Continua a seguirci per ulteriori aggiornamenti

GIORNATA INTERNAZIONALE DELL’ASSISTENTE SANITARIO

Quasi 40 anni dopo la definizione di salute dell’OMS: “uno stato di completo benessere fisico, mentale, psicologico, emotivo e sociale” (1948), il 21 novembre 1986 la Carta di Ottawa certifica come necessaria la “promozione della salute”. Per promozione della salute si intende “il processo che consente alla gente di esercitare un maggiore controllo sulla propria salute e di migliorarla”. Il processo prevede la coesistenza di alcuni prerequisiti. La loro realizzazione è possibile solo con il concorso della società nel suo insieme: ognuno può e dovrebbe fare la sua parte, ad ogni livello.

Il 21 novembre “Giornata dell’assistente sanitario” è stata da noi scelta per la sostanziale coincidenza tra titolo della Carta di Ottawa (“Promozione della salute”) e la funzione fondamentale dell’assistente sanitario (art. 1 del Profilo: […] “addetto alla prevenzione, alla promozione ed alla educazione per la salute”).

The 1st International Conference on Health Promotion, Ottawa, 1986

The Ottawa Charter for Health Promotion

The first International Conference on Health Promotion, meeting in Ottawa this 21st day of November 1986, hereby presents this CHARTER for action to achieve Health for All by the year 2000 and beyond.

This conference was primarily a response to growing expectations for a new public health movement around the world. Discussions focused on the needs in industrialized countries, but took into account similar concerns in all other regions. It built on the progress made through the Declaration on Primary Health Care at Alma-Ata, the World Health Organization’s Targets for Health for All document, and the recent debate at the World Health Assembly on intersectoral action for health.

Health Promotion

Health promotion is the process of enabling people to increase control over, and to improve, their health. To reach a state of complete physical, mental and social well-being, an individual or group must be able to identify and to realize aspirations, to satisfy needs, and to change or cope with the environment. Health is, therefore, seen as a resource for everyday life, not the objective of living. Health is a positive concept emphasizing social and personal resources, as well as physical capacities. Therefore, health promotion is not just the responsibility of the health sector, but goes beyond healthy life-styles to well-being.

Prerequisites for Health

The fundamental conditions and resources for health are:

  • peace,
  • shelter,
  • education,
  • food,
  • income,
  • a stable eco-system,
  • sustainable resources,
  • social justice, and equity.

Improvement in health requires a secure foundation in these basic prerequisites.

Advocate

Good health is a major resource for social, economic and personal development and an important dimension of quality of life. Political, economic, social, cultural, environmental, behavioural and biological factors can all favour health or be harmful to it. Health promotion action aims at making these conditions favourable through advocacy for health.

Enable

Health promotion focuses on achieving equity in health. Health promotion action aims at reducing differences in current health status and ensuring equal opportunities and resources to enable all people to achieve their fullest health potential. This includes a secure foundation in a supportive environment, access to information, life skills and opportunities for making healthy choices. People cannot achieve their fullest health potential unless they are able to take control of those things which determine their health. This must apply equally to women and men.

Mediate

The prerequisites and prospects for health cannot be ensured by the health sector alone. More importantly, health promotion demands coordinated action by all concerned: by governments, by health and other social and economic sectors, by nongovernmental and voluntary organization, by local authorities, by industry and by the media. People in all walks of life are involved as individuals, families and communities. Professional and social groups and health personnel have a major responsibility to mediate between differing interests in society for the pursuit of health.

Health promotion strategies and programmes should be adapted to the local needs and possibilities of individual countries and regions to take into account differing social, cultural and economic systems.

Prima Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute, Ottawa, Canada, 1986

La Carta di Ottawa per la promozione della salute

II primo Congresso Internazionale sulla Promozione della salute, riunitosi a Ottawa il 21 novembre 1986, ha presentato questa CARTA propositiva per il conseguimento della Strategia della Salute per Tutti per l’anno 2000 e oltre.

La Conferenza è stata soprattutto una risposta all’esigenza sempre più diffusa di un nuovo movimento mondiale per la salute. La discussione si è incentrata sui bisogni dei paesi industrializzati, senza però trascurare le situazioni consimili nel resto del mondo. Punto di partenza sono stati i progressi registrati grazie alla “Dichiarazione di Alma Ata sull’Assistenza Sanitaria di Base“, al documento dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sulla “Strategia della Salute per Tutti” e al recente dibattito dell’Assemblea Mondiale della Sanità sull’intervento intersettoriale per la salute.

Promozione della salute

Per promozione della salute si intende il processo che consente alla gente di esercitare un maggiore controllo sulla propria salute e di migliorarla. Per conseguire uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, l’individuo o il gruppo devono essere in grado di identificare e realizzare le proprie aspirazioni, di soddisfare i propri bisogni, di modificare l’ambiente o di adattarvisi. La salute vista, dunque, come risorsa di vita quotidiana, non come obiettivo di vita: un concetto positivo, che insiste sulle risorse sociali e personali, oltre che sulle capacità fisiche. Di conseguenza, la promozione della salute non è responsabilità esclusiva del settore sanitario, ma supera anche la mera proposta di modelli di vita più sani, per aspirare al benessere.

Requisiti per la salute

Condizioni e risorse fondamentali della salute sono: 

  • la pace,
  • la casa,
  • l’istruzione,
  • il cibo,
  • il reddito,
  • un eco-sistema stabile,
  • la continuità delle risorse,
  • la giustizia e l’equità sociale. 

Ogni progresso sul piano della salute dove essere necessariamente e saldamente ancorato a questi requisiti.

Sensibilizzare 

La salute è un bene essenziale per lo sviluppo sociale, economico e personale, ed è aspetto fondamentale della qualità della vita. I fattori politici, economici, sociali, culturali, ambientali, comportamentali e biologici possono favorirla così come possono lederla. L’azione di promozione si propone di indirizzarli in senso positivo attraverso un’intensa campagna di sensibilizzazione.

Offrire i mezzi 

La promozione della salute mira soprattutto all’equità nella salute. Il suo intervento si prefigge di ridurre le differenziazioni evidenti nell’attuale stratificazione sociale della salute, offrendo a tutti eguali opportunità e risorse per conseguire il massimo potenziale di salute. Questo comprende: un saldo radicamento in un ambiente accogliente, l’accesso alle informazioni, le abilità necessarie alla vita, la possibilità di compiere scelte adeguate per quanto concerne la propria salute. Non è possibile conquistare il massimo potenziale di salute se non si è in grado di controllare tutto ciò che la determina: questo vale in eguale misura per le donne e per gli uomini.

Mediare

I requisiti e le potenzialità della salute non possono essere garantiti dal solo settore sanitario. Non soltanto: la promozione della salute impone il coordinamento dell’azione di tutti gli organismi interessati: i governi, i settori sanitari, sociali e economici, le organizzazioni non governative, le autorità locali, l’industria e i mezzi di comunicazione. Il problema riguarda tutti -indipendentemente dalla loro condizione – sul piano individuale, familiare e comunitario. Compito imprescindibile dei gruppi professionali e sociali, e del personale sanitario, è la mediazione dei diversi interessi presenti nella società ai fini della promozione della salute.

Le strategie e i programmi di promozione della salute devono adattarsi alle condizioni e alle esigenze locali dei singoli paesi o regioni, tenendo conto dei diversi sistemi sociali, culturali ed economici.

Indagine sui bisogni formativi

Gentile collega,
la formazione costante dei professionisti è uno degli obiettivi prioritari della SIDAS, la prima società tecnico-scientifica dedicata all’Assistenza Sanitaria.
Il Comitato Formativo SIDAS ha la funzione di progettare, programmare, attuare e verificare le attività di aggiornamento e formazione per i soci. Infatti, l’evoluzione delle competenze dei professionisti è un processo continuo in risposta alla trasformazione ed alla complessità dei bisogni socio sanitari.
Con il fine di progettare un percorso formativo strutturato e costantemente aggiornato che valorizzi la figura professionale dell’Assistente Sanitario in tutti i suoi ambiti occupazionali, ti proponiamo una breve indagine sui fabbisogni formativi.
Ti chiediamo di compilare più esaustivamente possibile il questionario proposto assicurandoti la riservatezza delle informazioni raccolte nel rispetto della normativa sulla tutela dei dati personali.
Per maggiori informazioni contattaci a: info@sidas-assistenzasanitaria.it

Ti ringraziamo anticipatamente per la collaborazione!

Di seguito il link per accedere al questionario: https://forms.gle/iqoNBo9HpdV6B7rf9

Search

+